Luciano Porcari

Luciano Porcari, persona mite e gentile, amante del dialetto e della nostra città, volontario, all’Archivio storico comunale, attore dialettale, fine dicitore e poeta di amabilissimi versi in vernacolo, era voce, dapprima dell’orchestra Millelitri e poi del complesso Ariosto, che si esibisce nelle varie case protette.

Poche settimane prima di morire, tramite uno degli angeli volontari che assistono presso l’Hospice Piccole Figlie, ci chiese di avere una copia del “Lunario Parmigiano” che non aveva potuto procurasi essendo all’ospedale. Collaborava alla sua redazione con ricerche su parole ormai desuete o poco usate ma che ancora, comunque, avevano la capacità di incuriosire. Quando gli portammo il Lunario, in quella occasione, volle fornirci l’ultima lista sebbene fosse rammaricato di non aver potuto lavorarci come avrebbe voluto.

Mi piace ricordarlo con questa sua bellissima poesia scritta nel settembre 2006 che ci dice molto di lui.

Quand coll gioron al gnirà

G’h’é di gióron che i pensér i
pjan pjanén i rìvon al Cél,
parché ormäj a la me etè,
anca i gióron j’én contè.
Péns al gióron che lasù,
anca al Sgnór al me dirà,
dopa avérom bén scuadrè,
in parfét djalètt pramzàn:
“Finalmént a t’sì rivè!”.
E mi tutt meraviljè
äd sintìr al me djalètt,
a gh’ dirò: “Ma Santità,
mo anca Lu pärlol pramzàn?    P\
“Mi so tutt, al me ragas;
conòss Pärma e anca i pramzàn:
génta bräva, laborjóza,
anca se ’n po prezuntuoza. ;
A gh’é al Dom, vón di pu bél;    [
al Batistér ch’ l’é un giojél ?
e tant  ältri opri d’ ärta
ch’in gh’én mìga da ‘d’j ätri pärti.
Mo una coza a t’ò da dir:
che purtrop al sold, incó,
l’à portè tant egoìzom j
e sì dvintè tutt méno bón”

Ascolta audio.