Pierino Barbieri

Il Barbieri (1926-2005) fisarmonicista è conosciuto da tutti. Lo è meno il poeta dialettale. Pierino ha scritto poesie divertenti ma anche altre più impegnate come ad esempio La mama dal droghè”, una poesia che rivela una grande sensibilità. È molto bella e fa veramente riflettere. Il finale poi è un capolavoro: la mamma che chiede al Padreterno di perdonare il figlio e di mandare lei all’inferno al suo posto perché, “nel mondo l’ha già provato”. Roba da metterLo in difficoltà.

Pierino, che negli ultimi anni era meno impegnato nelle sue tournée, ci faceva sempre l’onore di allietare le cene di San Zvan di Parma Nostra con sua magica fisarmonica.Parecchi annai fa, nella sede della Famija Pramzàna, si festeggiavano i suoi 50 anni di fisarmonica. Pierino suonava e Bruno Lanfranchi leggeva poesie, sue e dello stesso Pierino. Alla fine della serata dissi a Lanfranchi:

– “Bruno è stata una bella serata”, e lui, molto soddisfatto, mi rispose:

– “Musica e poesia, il cozi pu béli ch’ a se gh’ sia”.

Questa che segue è una delle sue poesie dedicate a Parma.

 

La muzica a Pärma

L’ é cme ‘l sól ch’ a pól s’ciarir

al grizór ädla fumära.

La sorzìa ch’ a vén a ofrir

‘n aqua pura, fréssca e ciära.

L’ é un osigeno vitäl

s’ lé vlinäda l’atmosfera.

Una léva p’r’al moräl

ch’ al s’ inälsa, quand l’ é a tera.

L’ é ‘l miracol ch’ a pól där,

ai cativ, un po’ ‘d bontè.

Un “bijou”, da completär

al vestì pu rafinè.

L’ é cme ‘l “grana”, strajè sóra

a ‘na mnéstra o j anolén.

L’ é ‘na man de vlu,

ch’ a sfjóra e l’insìggna a vréros bén.

‘N incantezim, che nisón, via da Pärma,

al canta uguäl;

ch’ a fa vèddor un “logión”

trasformè in-t-un “pälch Reäl”.

Bianch e ròss , si fuss in guéra,

quand la ciama, i s’ dan la man.

L’ é ‘l partì pu bél ‘dla téra

con iscritt tutt i pramzàn.