Proverbi di Capacchi

 

Da “Proverbi e modi di dire”, di Guglielmo Capacchi (Arte Grafica Silva Editore)

Dio al ja fa, po ‘1 ja compagna Dio li fa, poi li accoppia
Gionnvi o véci, béU o brutti, un mari j al caten tutti Giovani o vecchie, belle o brutte, un marito lo trovan tutte
S’ a n’ gh’ fuss Piäzaja, povra Brutaja! Se non ci fosse Piacciaglia, povera Bruttaglia!

Cioè: povere le donne brutte, se non finissero ugualmente col piacere a qualcuno

Chi gh’ à la dota in piga, mai pu la ’n s’ marida Chi ha la dote in piega (cioè: già pronta), non si marita più
S’ a gh’ è un éèl pomm, al va in bocca a ’n gozén Se c’è un bel pomo, va in bocca a un maiale

Cioè-, le donne belle sposano gli uomini più brutti

Da moróz, al bocén da l’oli, dop spozè, gnan coll ‘dl azè Da fidanzati l’ampolla dell’olio dopo sposati, nemmeno quella dell’aceto
äd cärna in bcarìa nin vansa  mäi Carne in beccheria non ne avanza mai Tutte le donne finiscono con lo sposarsi
In ca a gh’ sta bén do donni: vunna ’d cärna e vunna ’d carta In una casa ci stan bene due donne: una di carne e una di carta
Chi n’ sa fär fógh, a n’ sa fär ca Cioè: ci si avvede delle doti di massaia della sposa novella dal modo con cui accende il fuoco
Fortón’na, e dorma Quando si è fortunati, si può star tranquilli
L’è méj nasor fortunè che sjor Meglio nascere fortunati che ricchi
Il fortórn’ni i van a pe, i mäj i van a cavàl Le fortune vanno a piedi, i mali vanno a cavallo
Ténga petlénga chi gh’ j à s’ ja ténga Tenga petlenga, chi li ha (soldi e guai) se li tenga
Tutt’ il ca i gh àn la so cróza Ogni casa ha la sua croce

Cioè: le disgrazie toccano a tutti

Lasa pur fär al Sgnór, ch’l’é dal mestér Lascia fare al Signore, ch’è del mestiere.

Cioè: la propria sorte è nelle mani di Dio; arrabattarsi troppo non serve

Si fan tant a dir « daj a coll can » tutt i gh’corr’n adrè Se cominciano a dire « dalli, a quel cane », tutti lo rincorrono
I cónt i van a fnir in contessi I conti finiscono in contesse.

Cioè: i progetti e le speranze spesso vengono delusi

O merda, o bretta rossa O merda, o berretta rossa Cioè: da una decisione coraggiosa può dipendere la rovina o la berretta cardinalizia (Battistén, 1862)
L’è pasäda a Napoleon, ch’al gh’äva i sprón d’or E’ passata a Napoleone, che aveva gli speroni d’oro.

Cioè: di dolore non si muore

Crida ti, ch’a crid an’ mi, la ridarà cuand la torà mari Piangi tu, che piango anch’io, riderà quando prenderà marito.

Si usa per burlarsi delle donne che piagnucolano per disgrazie di nessun conto

In-t-il bòtti picén’ni a gh’ sta al vén bón Nelle botti piccole sta il vino buono

E’ la versione parmigiana dell’“homo longus raro sapiens

Cärna sénsa dént 1’ à frèdd da tutt i témp Carne senza denti ha freddo in ogni tempo Neonati e vecchi soffrono il freddo
St’an bognóz, e st’ an ch’vén spóz Quest’anno brufoloso, l’anno prossimo sposo. Cioè: l’acne è propria della giovinezza
L’ è méj sudär che tòssor Meglio sudare che tossire.

Il caldo è meno nocivo del freddo

Al mäl dal zmindgón al résta in-t-al pajón Il male del dimenticone resta nel saccone.

Cioè: i dolori del parto si dimenticano presto

La pulisìa l’è méz magnär La pulizia è mezzo mangiare
Sporch e nett, fa cul e tett Equivale press’a poco a:

quel che non ammazza, ingrassa

Il pivi véci i ’n san pu sonär Le pive vecchie non san più suonare

Si dice per lamentare gli acciacchi e le limitazioni della vecchiaia