Bruno Lucchini

 

 

(foto di Bruno)

 Bruno Lucchini detto il Sordo nacque nel 1907 in Borgo dei Minelli al 61 dove i genitori, Brando Lucchini e la signora Adelaide, gestivano un’osteria. Brando Lucchini era chiamato “Beli bräghi” e alla sua morte, com’era consuetudine, il soprannome passò al figlio maggiore. Ora che anche questi non c’è più “béli bräghi” è Bruno ma ormai a lui è stato appiccicato il soprannome “Sórd”.

Bruno visse la sua infanzia dentro l’osteria dove spiccava su tutti la forte personalità della madre Adelaide, per la quale Bruno ebbe sempre una venerazione.

Alla signora Adelaide, alta e ben piantata, non facevano certo soggezione gli ubriachi o gli attaccabrighe. Bruno ricorda che quando si metteva a gambe larghe e con le mani sui fianchi tutti capivano che era ora di smettere “parchè, s’l’éra al cäz, l’éra bón’na anca d’imnesträr!”. Bruno ha ereditato dalla madre il carattere generoso e la vigoria fisica. Da giovane però faceva uso più della seconda caratteristica che della prima. “A s’éra un po’ un lazaronsèt”, ammette.

Ricorda che un giorno assistette ad una lite nella quale suo cugino stava avendo la peggio, contro due avversari. Uno di questi era “Colórni”, lo “scolaro” nominato da Zerbini nella famosa poesia “L’astronomia” e fu proprio a lui che Bruno mollò un pugno che gli procurò una degenza all’ospedale di 8 giorni. Dopo quest’ultima lite fu diffidato dai carabinieri. La madre era molto preoccupata per questi sporadici episodi di violenza che contrastavano con l’indole buona del ragazzo che era un po’ il suo cocco anche per via della grave menomazione che lo aveva colpito. Probabilmente in seguito al morbillo infatti, Bruno aveva perso l’udito e la madre spese un pozzo di quattrini perchè le provò tutte.La signora Adelaide il giorno dopo, portò Bruno a Fontanellato. Entrarono nel santuario e la madre lo fece inginocchiare. “Co’ fèmmia, ma?” le chiese. “A preghèmma la madonén’na ch’la t’faga gnir pu bón!”.

La madre pregò con fervore e il ragazzo vide che, mentre lo faceva, piangeva.Egli le era attaccatissimo e rimase profondamente turbato nel vederla piangere. Da quel giorno non ha mai più fatto una lite. Gli capitò invece di dividerne qualcuna e di prendere lui qualche pugno in quelle occasioni.Bruno sfogava l’esuberanza fisica correndo in bicicletta. Si alzava tutte le mattine alle 6 per fare allenamento.

Corse in bicicletta per una ventina di anni e questo è tanto più lodevole se si tiene conto che non solo in vent’anni non vinse mai una corsa ma non ebbe nemmeno la soddisfazione di piazzarsi. Intanto i Lucchini si erano trasferiti in Via della Salute perché era avvenuta la demolizione di Borgo dei Minelli.

In fonderia

Bruno non era un grande studioso e preferì troncare la scuola alla 4a elementare per andare a lavorare. Fu assunto alla Fonderia Damini presso la quale diventò, col tempo, un apprezzatissimo “animista”. Nel tempo che gli rimaneva libero dalla fonderia aiutava il fratello che aveva aperto “Il Norge”, un’osteria con cucina situata in Via Turchi. Sebbene non fosse il titolare era oste più lui del fratello che non aveva la vocazione. “Ormäi i gat an j à cucca pu nisón mo alóra a fävon andär sinch o séz gat tutt i lundì p’r i calsolär”, ricorda spiegando che i calzolai la domenica non badavano all’orario ma il lunedì erano sempre in baracca ed erano essi stessi a procurargli i gatti.

oste

Egli continuò ad aiutare il fratello quando, dal “Norge”, si trasferì alla “Corale Verdi” dove prese la gestione del bar. Quando il fratello chiuse anche con la Corale, Bruno, che si sentiva più oste che fonditore, decise di fare il passo e aprì in proprio, in Borgo Sorgo, l’osteria in cui è tutt’ora da 43 anni. Bruno ha oggi 73 anni, (Scrivevo queste righe nel 1980) una corporatura robusta ma non grassa, l’inseparabile berretto, una vestaglia nera pulita ma vecchia di anni e una gamba un po’ “mafón’na” che lo rende leggermente claudicante. Quest’ultimo acciacco però non deve trarre in inganno perché è ancora molto robusto. Anche la sua resistenza alla fatica è notevole; basti pensare che apre il locale alle 8 del mattino e lo tiene aperto fino a mezzanotte. Sono 16 ore filate che interrompe, ad orari fissi, con una partita a scopa per riposarsi. “Quand a zugh a magn la tävla”, dice.

In effetti egli è buono come il pane ma quando gioca si trasforma ed è meglio lasciarlo stare. E’ convinto di essere un grande giocatore di scopa e, quando perde, diventa irriconoscibile. Mentre gioca non dà retta ai clienti che ormai lo sanno e si servono da soli oppure aspettano.

Una sera aveva appena perso una partita a scopa quando entrarono tre avventori.

“Un bianch!” ordinò il primo. “Un ròss”, il secondo. “Un bianch anca a mi” aggiunse il terzo. Bruno, cui non era ancora passata, esclamò: “Un bianch, un ròss, un nigor. O tri bianch o tri ròss! e piantila äd fär i nojóz!” Uno dei tre avventori era Gazza, simpatica figura di parmigiano pronto alla battuta, che rivolgendosi ai clienti seduti ai tavoli, disse in tono molto comprensivo: “Iv sentì? al ne gh’à miga tort”. Poi, cambiando tono, aggiunse: “Però al ne gh’à miga gnan ragión! An n’arèmma miga fat ’n ordinasjón tanta dificila”.

 La cucina 

L’osteria di Bruno è tutta dentro una grande stanza ad eccezione del cucinino di un metro per un metro. Ci sono cinque tavoli di legno di quelli classici da osteria. Uno in particolare è molto bello. Lo ha comprato, usato, suo      nonno che era oste anche lui.

E’ il suo preferito perché dice che ci si può mangiare senza che i tegami diano fastidio.

Sui tavoli ci fa i conti col gesso e i giocatori ci segnano i punti delle partite. Per questo le sedie sono dotate di strofinacci per cancellare e, prima dell’uso, vengono imbevuti di vino. Ogni mattina Bruno lava i tavoli con il vino.

Prendono un bel lucido ed, inoltre, egli sostiene che il vino tiene lontano le camole.

Indicando il suo tavolo prediletto che è quello vicino al banco dice: “cla tävla chi, gh’ò fat i cónt, in quarantetri an’, l’à bvu dez milla scudlé n!”. A proposito di tavoli, racconta Tonino Rosi, che un giorno Bruno distrattamente gli servì della cicciolata direttamente sul tavolo dimenticando di appoggiarla su di un piatto: “Veh Bruno, an s’rà miga la manera?!” lo rimproverò. E l’oste risentito: “A m’ sa ch’a t’ si d’vintè un po’ nojós!”.

 Walter Madoi.

Il grande pittore ha effigiato diversi clienti dell’osteria e anche lo stesso Bruno che ha ritratto in una posa molto caratteristica. Questi infatti ama stare seduto accanto alla stufa che c’è contro la parete, a sonnecchiare, con il capo leggermente reclinato e il gomito appoggiato alla stufa stessa. Il banco di mescita è piccolo ma funzionale. E’ pieno di “manici” e di “scodellini” che sono i più usati. Sul ripiano di marmo in cui appoggia le bottiglie quando stura, si è formato un solco profondo.

L’ORTOLANO  PATAN EFFIGIATO DA MADOI (foto)

Bruno stura una cinquantina di bottiglie al giorno, è una ginnastica che lo tiene in forma. Quando lo schiocco riesce particolarmente bene dice con orgoglio: “Coste l’é vón ’d chi bej cioch äd ’na volta!” Il vino di Bruno è lambrusco nostrano che però egli “taglia” con un 2% circa di vino di Brindisi per renderlo più pastoso. A proposito del vino di Bruno, Renato Re, un giorno, scherzosamente gli disse: “Bruno al to vén al va bén da saldär”. “Parchè Renato?” chiese incuriosito l’oste. “Al pär acid!” fu la risposta, che contiene un fondo di verità.

Come vino è molto buono ma, se uno è digiuno, è un vino che “ruga” nello stomaco.

 

Dice Camillo, detto “Deznóv”, che quando nei suoi giri include l’osteria di Bruno ha sempre l’avvertenza di portare con sè mezzo chilo di cavallo pesto: “Se no, con du scudlén, a s’imbuzissa il budéli”, spiega. Per non compromettersi a chi gli chiede:

“Bruno, él bón coll vén chi?” egli risponde: “miga tant”. Ora non lavora più come una volta perché sua sorella, la “Piccola”, non sta bene e non può più aiutarlo. Sul fornello, nel cucinino a sinistra entrando però, c’è sempre qualcosa a bollire. Di solito usa una vecchia pentola di alluminio con un coperchio che lascia capire che in quarant’anni di carriera sarà caduto alcune centinaia di volte. “Al pär un fónz” dice Dario Paterlini che dal “Sordo” si sente a casa sua.

 

Bruno fa una busecca, a detta di intenditori, da leccarsi i baffi. Dice però “la buzéca an la fagh pu. Quand a la fagh, dop sinch minud a ne gh’n’è pu!”. Ma Tonino Tosi dà anche un’altra versione: “Ormäi chilù l’è trop cär, magnär chi dentor l’é cme ’andär da Longinotti”. Ora che è solo, il suo locale non è tirato a cera, ma la cucina viene curata, e nessuno deve temere per la propria salute. La storia delle polpette in tasca ad esempio è una leggenda e l’oste stesso ha contribuito al suo nascere. Un giorno, alcuni clienti, per scherzare, continuarono ad ordinargli delle polpette, ma non tutti assieme. Le ordinazioni erano singole e avvenivano non appena Bruno si sedeva un momento. L’oste allora si riempì le tasche di polpette, dentro un tovagliolo.

Di mano in mano che riceveva ordinazioni metteva una mano in tasca e lanciava le polpette ai clienti senza alzarsi dalla sedia.

 

Bruno ha la licenza più ampia. La sua infatti è “osteria con cucina” e fino a qualche anno fa aveva anche il permesso di tenere i tavoli in strada. Spiega che la licenza più restrittiva è quella della “Bettola” o meglio era perché la “bettola” è stata abolita. Nella bettola non c’erano sedie e la gente beveva in piedi. Anche la licenza “vini da esportare” è stata soppressa. Dopo “vini da esportare” viene la licenza di “osteria” che è, come abbiamo detto, meno completa di “osteria con cucina”. Bruno professionalmente sa il fatto suo. Inoltre il suo buon carattere gli procurò un sacco di amici. Per questo ebbe un lungo periodo in cui lavorò parecchio. Egli ricorda una annata famosa, attorno al ’50; in cui il lambrusco arrivò a 14 gradi.   In quell’anno vendette 35.000 bottiglie e 180 quintali di vino da botte. In Borgo Sorgo si parla in gergo. Per una specie di pudore, che vieta di sembrare gentili per non apparire sofisticati, vengono usate, a volte, parole che vanno interpretate e spesso, nelle intenzioni di chi le dice, hanno un significato opposto a quello letterale. Ad esempio è facile sentire “siochètt” in senso affettuoso. Può capitare di sentire amici scambiarsi saluti di questo tipo: “Ciao Carlén, s’a t’ cat zo ’d borogh a t’ spach al muz!”. Oppure ad un socio di partita che ha sbagliato la giocata: “Ch’a t’ manda tant coléro con tant óv ch’occòrra a butär zo la pilota!”.

 

Il “Sordo” ha un carattere molto ospitale. Anni fa, ad esempio, quando veniva dimesso un carcerato che non sapeva dove andare a mangiare qualcosa gli veniva indicato di andare dal “Sordo”. Quando il carcerato si presentava nell’osteria veniva rifocillato con naturalezza senza che la cosa gli venisse fatta pesare minimamente.

Una volta ospitò per alcuni giorni una signora alla quale procurò anche da dormire presso una famiglia amica. La signora aveva un bimbo al Rasori e aveva dovuto trattenersi più del previsto. Prima di partire, la signora, piena di riconoscenza, gli fece capire che avrebbe potuto se lo avesse voluto. Ma Bruno fu un gentiluomo.

“No signora non me ne approfitto di quelle cose lì”.

“E si s’éra giovon, veh” ed aggiunge: “Mi són fat acsì, són compagn äd me mädra, con pu la miserja l’è granda con pu a j a jut!”.

Spiega: “Ò catè anca chi m’à imbrojè, bombén. Ò catè di mascalsón e di vagabónd mo ò catè anca tant galantòmm. A gh’ò ’vu anca dil béli sodisfasjón mo grosi e indò vagh a són sempor bén ricevù”.

 

La clientela di Bruno è molto varia. Vengono operai, artigiani, pensionati, studenti ecc. Da lui può capitare di vedere qualche vecchio cliente che viene con il suo fagottino in cui c’è un pasto modesto che non ha voglia di consumare in solitudine.

Spesso vengono compagnie di giovani che sono guardati con simpatia sia da Bruno che dai clienti abituali. Egli mostra con orgoglio una foto che lo ritrae in compagnia di una scolaresca della scuola “Martiri di Cefalonia” accompagnati dai maestri. Ricorda che i bambini gli fecero molte domande specialmente sul periodo bellico.

L’osteria è vicino al liceo “Marconi”. Sono molti gli studenti che sono stati suoi clienti sia per gli ottimi panini col salame sia per la “vecchia” che faceva alla maniera antica e cioè con cavallo pesto, peperone, cipolle, pomodori e patate fritte. Recentemente un gruppo di ex liceali ha voluto festeggiare nella sua osteria il conseguimento della laurea. Bruno ha sempre goduto della stima e dell’amicizia di tutti i presidi che si sono succeduti nella scuola. Il penultimo era un romano che, prima di tornare nella sua città, volle andare a trovarlo:“Non volevo partire senza aver salutato quel galantuomo di Bruno” disse all’oste. Bevvero una bottiglia in compagnia e si salutarono calorosamente. Al preside attuale ogni tanto porta le rime di “Temi la luce” e di un muratore-poeta che frequenta il locale. 73 anni di vita e 43 di professione sono tanti.

I ricordi

Innumerevoli sono i ricordi di Bruno; fatti, persone, ambienti ecc. Quando nel locale c’è un po’ di calma parla volentieri ed è interessante ascoltarlo. E’ un salto nel passato. Nei suoi ricordi rivive Borgo dei Minelli. Un borgo bello e terribile dove l’antifascismo si succhiava con il latte. Un borgo che aveva molto di tutto: miseria, ignoranza, ma anche tanta solidarietà, bontà d’animo e calore umano.

“In borogh di Minè gh’éra di lazarón mo st’äv bizoggna d’un b’cón ’d pan in borogh di Minè t’ al catäv!”. Sono poche parole ma riassumono sinteticamente la caratteristica più significativa della gente del borgo. La grande miseria e il sovraffollamento dato dal grande numero di persone che vivevano in poche stanze favorì il verificarsi di qualche episodio di violenza come quando Felisi entrò in casa per la cena e chiese alla nonna: “co’ gh’è da magnär?”. “Un óv” rispose la donna che si buscò per questo una coltellata e fu salvata per miracolo. La paura di borgo dei Minelli era tale per cui, il giovane carabiniere, mentre saliva le scale per arrestarlo, era bianco come uno straccio. Fu aiutato nel suo compito da “Gambalissa” che disarmò il feritore.

Accanto ad episodi come questo ne avvenivano cento altri, frutto di uno spirito di solidarietà e di fratellanza irripetibili. Nel borgo era molto praticata la condivisione di quello che c’era da mangiare. Questa unione era favorita anche dall’ostilità degli “altri”. Durante il ventennio fascista, nel borgo, montavano la guardia, giorno e notte, due carabinieri. Da parte loro gli abitanti, per evitare retate notturne, soprattutto per motivi politici, alla sera mettevano i reticolati alle entrate del borgo. I reticolati venivano rimossi al mattino.

(da Apén’na da biasär di G.M. )

t