Luigi Sturma

Ho conosciuto Luigi Sturma in occasione di un incontro in circolo di anziani dove ha letto alcune belle poesie. E’ sempre disponibile (molto più di me) per attività di questo tipo che la dicono lunga sulla sua sensibilità e disponibilità al volontariato che svolto in vari ambiti. Luigi, come altri poeti nostrani, ha cominciato quasi per gioco scrivendo rime per i colleghi in occasioni particolari. Ormai ha al suo attivo molte poesie che cantano Parma, la famiglia, gli amici e personaggi vari.

Notevoli sono anche, a mio giudizio, le riduzioni in dialetto di commedie di autori classici; Luigi  Pirandello, Eduardo De Filippo, Giovannino Guareschi e Molière.

Di quest’ultimo ha tradotto “Il malato immaginario” riscuotendo un grande successo.

La seconda guerra mondiale ha sconquassato la famiglia di Luigi, nato nel 1938, a cominciare dall’infanzia. Al termine del conflitto la sua situazione non migliorò di molto perché il padre non era ancora rientrato ed egli venne sistemato in collegio.

Conoscendo queste sue vicende non stupisce che uno dei temi dominanti della sua poesia sia la famiglia e il valore.

Con il suo permesso ho inserito questa poesia dedicata alla moglie.

(G. Mezzadri)

Nosi d’or

Trénta, cuaranta, cincuanta, co éni par la storia dal mónd ?
Una foläda ‘d vént, un batit d’äli, un tic tac d’un secónd;
mo par mi e ti, j én stè cuell; j én un toch ‘d la nostra vitta;
miljón ‘d batit, di nostor cór, miljón ‘d pas insèmma;
paroli, zguärd; par rivär con ti, vers cla sträda, miga sémpor dritta.
E a fàr cla sträda a volti spiana, a volti zgréza, e torta,
mzurand i pas, primma con zlanc’ äd córsa, e po…
pian pianén con afan, e con la facia un po pu sgnäda e zmorta.
Spartir i guaj, il gioii, i dolór, il rinunci, la gioja ‘d la famija
mo ancòrra tutt du insèmma a continuär la via.
Sèmma rivè anca a coll momént chi… sincuant’ani äd matrimonni
dil volti a me- dmand ! Mo sónja proprja mi o él un insonni ?
Po a fagh un po ‘d cónt e me dmand: è pucol ch’j ò dè, o ricevù ?
Chi an pos che ésor sicur l’é pù col ch’j ò ricevù grasja a ti e grasja a Lu. Un grasja l’é un po poch … mi ch’a m’ scord i complean, i regaj, j aniversäri, j ò scritt stil povri rimmi, par färom pardonär.
Mo un ricord, un pensér p’r il nostri nosi al voj dedicär
a tutt chi spoz, ch’j én restè da lór.

 

Un pret divers

Un prete operaio …mi crèdd, che ‘d cla rasa lì, agh nin sia restè ormàj pù pòch.
Am vènn in menta quando l’è gnu dentor in-t la nostra azienda.
Tutt j’al guardèvon, con facia indifarenta;
Co’ tosni in mensa, anca i prevost?
L’ha comincè cme tutt nojetor, da la gavetta,
ataca al scèr, in cusen’na, in magazèn, in macelleria
la fatt la rotazion cme tutti senza brangognèr e in allegria,
senza dmandèr màj gnenta a nissson, la tirè la sò caretta.
Second mi s’al vrèva, l’ariss anca podù d’vintàr un monsignor
S’laviss sbasè la testa …. e fat, col chi d’zèvon lor.
Ma lasèma ster il cosi; la sarnì la sò strada
bela, o brutta, longa, o curta, Lù al l’à fata tutta
fin in fonda a la scalàda.
’T vrè dir un mucc ed cosi tutt col, ch’am vèn in menta,
acsì a la bon’na, cmè s’fà con la povra gènta.
A marcord, i so genitor quand’ il gnevon a catèr,
responsabil dal tribunèl dal male, l’impègn coj carcerè
al ricord ed’ j incontor quand gneva Tommasèn,
col Vescov, Benito Cocchi, gnù un gioron in mensa
a dir la Messa. Ma adesa basta an voj miga t’gnirla longa.

Ciao Don Fontana da tutt coj cha t’ha seguì,
con la to presenza che la to strada la sia sempr’ acsì,
con la to fede, la to costanza, la to coerenza
e cla sia sempor gioiosa e feconda.
Grazie da tutt coj ch’at segua e ‘l speta da ti un po’ ‘d speranza.

Luigi Sturma- Parma 2015  (Dedicata a don Augusto Fontana, prete operaio negli anni ’60)

 

Padre Nostro Americàn

Patèr nostèr american
che coj sold si lärgh ‘d man
scordot miga ‘d la mè téra
cl’è du ani, chi vens la guera.
E con tutti il to primissi
semma nud, cme tanti bissi
a socorra dal melgón
‘d la farén’na e dal carbón.
Con la scorta ‘d tutt l’amas
an sé sfama gnan i ragas.
‘d la delinquensa, a sé creè
parchè j én tutt dizocupé.
Dal nostor splendid ciel
cla dè vita a un Rafael Giotto e Dante
al sia coste, il valore dominante
lasi andär la bomba atomica
chi a socorra, la bocònica;
mej ancora… sa v’è deviz
sa s’mandi dil bombi ‘d riz.
Amen.

Rima recitata a memoria da un’ospite della Casa di riposo Montebello a Luigi Sturma (2017)

 

Preghiera del tempo di guerra

Ave Maria grazia piena Fa che non
suoni la sirena Fa che non vengan
gli aeroplani, Fammi dormir fino a domani.
E se una bomba dovesse cascare
oh! Madonnina fammi salvare;
il Papa a Roma sospira e prega
e Mussolini di lui se ne frega.
Per l’insalata ci vuole l’olio come
per vincer ci vuole Badoglio.
Io ti supplico o Madonnina,
fammi svegliare domani mattina.

rima recitata a memoria da un’ospite della Casa di riposo Montebello a Luigi Sturma (2017)