Gianpiero Caffarra

Colonna della prima ora del il Lunario è stato Gian Pietro Caffarra, scomparso nel 2000. Gian Piero, figura conosciuta in città per essere stato per molti anni alle dipendenze dell’INAIL, impegnato in politica e nel sindacato degli enti locali. Coltivava molti interessi culturali, il dialetto e il teatro parmigiano, la musica lirica e sinfonica e tutto quanto sapeva di parmigianità.

Socio di “Parma Nostra”, ha sempre collaborato alle varie iniziative dell’Associazione compresa la stesura del “Lunario Parmigiano” per la quale si dedicava in modo particolare alla correzione della grafia del dialetto parmigiano. Era egli stesso un profondo conoscitore del dialetto ed inoltre poteva contare sulla consulenza del prof. Guglielmo Capacchi suo amico di vecchia data.

Giampiero era un sensibile osservatore del costume. Parlando dei “vecchi tempi” sosteneva che la nostalgia per la nostra gioventù non ci deve fare dimenticare i limiti e i difetti di quell’epoca. Mi faceva notare come la scarsa cultura, ad esempio, portava spesso la gente ad essere poco sensibile nei confronti delle persone che avevano difetti fisici. La maggior parte delle persone non si rendeva conto di quanto potessero soffrire gli interessati a motivo di come questi difetti venivano evidenziati.

Alcuni esempi.

Se, p’r ezémpi, vón l’ éra sop, facilmént j al ciamävon “gambalissa” o “gamba ‘d lèggn”.

A chi gh’ mancäva ‘na man o un bras facilmént i ghe dzävon “mónch” o “mochén”.

Quand invéci vón al gh’äva j ociäj al dvintäva “quattroc’”.

Chi gh’äva al näz gros al dvintäva “canapja” e par torl in gir sensa der int l’oc i ghe dzevon Canapja mei da piovor.

E chi gh’ äva la tésta grosa “testón botol”. Al botol l’è al girén

Vón dur d’orècci ch’ al ne gh’séntiva miga o poch, i ghe dzävon “sórd”, cme era capitè a Bruno l’ost ‘d bórogh Sorgo. A proposit, sorgo miga surrogh ma Sorgo parché i fevon il scovvi ‘d sangonéla

A un omm gras i ghe dzävon “pansa ‘d dolégh”. Mo gh’éra prónt anca “codgón o lotgón”.

P’r i trop mägor gh’éra sól che da sarnir; “fildura”, “tridura” e via discorendo.

Se vón l’éra ròss ‘d cavì j al ciamävon “al Ròss” e in pu gh’éra al ditt che: “Al pu bón di ròss l’à butè so pädor in-t-al pòss e‘l pu cativ al l’à magnè viv”.

Un guärs (guercio) l éra “bél océn” quand l’andäva bén parchè gh’éra prónt anca “sbrägh d’oc’” cme vón di parsonàg’ ‘dla poezia ‘d Zarbén, “L’astronomia”.