Bruno Dodi

 

 

festa per saluto ad un pensionato con immancabile lettura delle rime dedicate al festeggiatom dall’ing. Bertozzi. 

Si era negli anni ’80, ’90 e si stava festeggiando un pensionato e l’immancabile malinconia veniva combattuta dalle battute di Bruno Dodi, amico carissimo da alcuni anni non più tra noi) che non si sottraeva al botta e risposta con i colleghi che lo provocavano a bella posta. Salutatolo con calore gli chiesi: “Bruno parchè sit andè in pensjón ch’a t’ sér ancorra giovvon ? “Parchè i m’ àn ditt che ala Vilètta i fan la ruga !” (la ruga è la perquisizione)

Un altro vecchio amico gli dice: “Bruno la t’fa bén la pensjón, a t’gh’è un bél colór. – E lui:“Adésa gh’ò ‘l témp äd därogh do man”. L’amico insiste: “E par via dal par via, cme vala?”- “Gnanca pu col lorètt”.

Un collega rideva e Bruno lo rimbeccò: “A t’pól vansär äd riddor tant; a ca tòvva l’é un pés ch’a s’canta “Beati morti”. Ti a t’pól recitär dabón la preghiera dal pensionè!” – “Cme éla ?”, gli chiesi. “A t’ringrasi al me Signór ch’a t’m’è castrè sénsa dolór”.

C’è chi lo stuzzica alludendo alle sue origini: “Bruno, è vera che al Castlètt a magnävov il pónghi ?”- (il ponghi sono le pantegane) “No, parchè a gh’ séron afesionè; a s’ gnäva su ragas insèmma”.

Ormai lanciato sui vecchi tempi continua: “Mi stäva in-t-‘na béla ca, diviza bén. Gh’éra cambra e cuzén’na, granär e cantén’na, tutt in-t-‘na stansa!” A uno che rideva più degli altri, Bruno disse: “Sta miga riddor tant ti, ch’a t’stäv in-t-‘na ca cón ‘na scäla acsì dirocäda che pr’andär su dritt, a gh’ vräva vón sop. L’éra ‘na ca tanta sporca che j inquilén i s’pulivon i pe a ‘ndär fóra”.

Bruno non si vergogna a parlare della miseria dei suoi tempi: “In ca mèjja l’andäva tant mäl e séron tant mizerabil, che cuand sèmma dvintè povrètt, èmma fat fésta”. E continua: “A gh’é äd cojj ch’i gh’ lason dil villi; a mi, i m’àn lasè la bronchite parchè a gh’äva sémpor fama e a forsi ‘d révor, inutilmént, i sportél äd la cardénsa par vèddor sa gh’éra cuél da magnär, ò ciapè tant cólp d’aria ch’a m’ són malè ‘d brónch”. E l’é stè in coll perìod lì ch’ j ò imparè a fär al mago – Al mago? Chiede qualcuno. “Sì, parchè cuand andäva in ca’ a dmandär s’a gh’éra cuél da magnär, me mädra la me dzeva sempor:”sparissa !”

Sempre parlando dei suoi tempi, continua: “I dizon che a magnär la suppa a vena i carcagn gros. Mi dovriss averogh du pe cme do psighi äd dolegh !”. (“Carcagn” sono i calcagni e “psighi àd dolegh” sono le vesciche di maiale dentro cui si conservava lo strutto). “Mi da ragas dvintäva mat par la paton’na parché äva mäi sintì al stracot e, dal parsutt, j ò sémpor visst sól che l’os. A s’ éra cme i gat che ‘l salam i n’al conoson miga e i pénson ch’al sia fat sól äd péla. Meno male che po’ è rivè ‘l “Musichiere. (Il “Musichiere” era un bottegaio che doveva il suo nomignolo al fatto che, in Ghiaia, vendeva, a metà prezzo, il prosciutto che “suonava” nel senso che puzzava per un inizio di deterioramento. Non era un “puzzare” sgradevole e c’erano persone che addirittura lo preferivano a quello normale).

Bruno chiude l’argomento dei tempi della miseria con una considerazione ineccepibile. “Adesa i ragas i dmandon: ma, co gh’è da sén’na? Mo nuätor a dmandevon: ma, stasira gh’éla la sén’na? Sät co digh sémpor mi? Che coj chi dizon che “l’appetito vien mangiando” i dovrisson provär che aptit a vén a magnär miga!”

Parlando di lavoro Bruno spiegava che non ci teneva ad andare in trasferta e vecchio collega lo punzecchio: “ Dì la vritè. Ti a t’ vräv miga andär via parchè a t’ gh’äv paura chi ’t fison i coron ». Dodi rispose per le rime: « Certo ch’at gh’äv meno paura ti. At gh’è ’na mojéra tanta brutta che, s’a t’ la piant in-t-l’ort, a ne gh’ rampa su gnan i fazó! ».

In occasione delle cene aziendali cercavo sempre di andare al suo tavolo perché le battute non mancavano. Come, ad esempio, si avvicinò al nostro tavolo un collega che, indicando una bottiglia chiese: «Él férom coll vén lì?» «Si, l’é férom parchè dedchì al ne s’móva miga!» Ad un altro che si vantava, ‘sbragando’, di avere un’auto che, seppure fosse vecchia, era eccezionale, Bruno disse: «L’é béla ch’la machina li. Sól che si seron la fabrica dal zingol a t’cat pu nisón ch’a la giusta!” Gli feci notare che i suoi capelli, in pochi anni, erano diventati molto bianchi. Mi dette questa spiegazione: “I cavì bianch i fan cme la néva. Si fan tant a ciäper a nin ven ‘na cotäda!”. (Cotäda deriva da  cuatäda che, a sua volta, deriva da coperta; significa grande quantità di neve).

Ci spiegava che aveva smesso di fumare e io gli chiesi se avesse faticato molto. Rispose: Ò tribulè meno a zmèttor col dònni. ‘Na volta a m’ preocupäva quand i me dzävon äd no. Adés sarìss preocupè si me dzison äd sì”. Era solo una battuta perché Bruno cercava più la buona tavola che altre cose. Infatti, commentando i pettegolezzi relativi ai “divi” e continuamente riportati dai giornali disse: “I dizon che ‘l täl artista è virile. Mi a son virile, l’é quarant’an ch’a vagh con me mojera”. L’ho incontrato di recente e lo invitai al bar: “Tót al cafè, Bruno? – “Mo sì, l’ò tot dil volti ch’a n’äva meno voja che adés” (ma si, l’ho preso altre volte che ne avevo meno voglia di adesso).

Io scelsi una coca che il barista mi servì con la classica fetta d’arancio nel bicchiere. La cosa mi suggerì di chiedergli: “Bruno, da ragas magnävot j arans?” (le arance). “L’unicch “arans” ch’a conosäva l’era l’arans dal gras” (dove “l’arans” era il “rancido” del lardo). Chiesi allora: “E la “settimana bianca”, la fävot? “Si, dal molinär a zbalotär di sach ‘ farén’na!”

DARIO PATERLINI

Davanti all’osteria di Bruno il Sordo – Dario è il secondo da destra

Nella mia vita ho conosciuto parecchie persone simpatiche. Tra queste, secondo a nessuno, Dario Paterlini. Dario, amico e generosocome pochi, è scomparso da qualche anno. Abitava in via Bixio e visse la sua infanzia in quei borghi dell’Oltretorrente dei quali respirò l’aria, assorbì gli umori, i pregi, i difetti e la migliore verve dividendo con la sua gente la miseria che in quei tempi era molto grande. Amava dire: “O pran ridù int la vìtta … e magnè poch”. Sensibile ai problemi sociali è stato, per 17 anni, milite della Pubblica Assistenza. Amante della musica, del bel canto e della lirica in particolare, fu corista della Verdi per diversi anni. Richén Balzarini, suo vecchio amico e pure lui corista, ricordando la sua giovialità, mi diceva: “In coräla, quand an gh’ era miga Dario, l’ era ‘na coza dispra”. (mancava qualcosa). Dario sapeva descrivere i “suoi tempi” con un dialetto piacevolissimo e con immagini efficaci e pittoresche: “Cuand a s’ pärla ‘d Pärma vecia am grat ancòrra!”. Diceva per spiegare che ebbe, come tutti allora, i pidocchi. E continua….cliccare per il seguito

DARIO PATERLINI