Luigi Gambara

Al pit

LUIGI GAMBARA (1858 – 1944)

Medico, amico dei buoni studi e lepido traduttore dei canti danteschi in dialetto parmigiano. Dalla sua parca traduzione questo “elogio del tacchino”, che, in mezzo a piacevoli facezie, contiene la sua brava morale filosofica

Stralci dal libro IL DIALETTO VIVO DI PARMA E LA SUA LETTERATURA di Jacopo Bocchialini – edizioni il Verdone Torino (1944) il testo completo lo puoi trovare nel Sito della Consulta per il dialetto parmigiano cliccando su POETI E POESIE (Luigi Gambara)……………………………………………………

Quand as vedda in quälc gingén

Fär di vers o fär l’océn,

……………………………………………….

A vedrì po’ dil sioren’ni

Fa färs lustri, a färs gingen’ni,

därs al blett, l’aqua d’odor,

Nastr e fioc d’ogni color,

cm’al caplen, cm’al topè

i s’fan fent fin al dardè.

……………………………………………..

Droven fin strett e voltè

Al sortu dal so papà;

Trid cme ‘l loc e sensa un sold

Stan a stecch e pianton ciold!

…………………………………………………

Al va pian, tutt petorù

Con bel pas e fand glu-glu !

………………………………………..