Giuseppe Mezzadri autore

Mi chiamo Giuseppe Mezzadri, da oltre 40 anni faccio parte dell’associazione culturale “Parma Nostra” per la quale, da 36, sono impegnato nella redazione del ”Lunario parmigiano oltre a varie iniziative culturali legate al dialetto, incontri nelle scuole e nelle case protette, corsi di dialetto, articoli ecc.

Da circa tre anni sono impegnato nella Consulta per il dialetto parmigiano della quale sono il coordinatore.

La Consulta, che si può definire un’associazione di associazioni, è nata nel marzo del 2014 per iniziativa di un gruppo di amici, attivi da tempo nell’ambito delle associazioni culturali, delle compagnie dialettali o altro: li animava il desiderio di unire le proprie forze per riu­scire meglio a valorizzare e far conoscere le tradizioni e il patrimonio culturale di Parma, contrastando la tendenza della nostra odierna società globalizzata a dissipare le appartenenze e le identità. I soci fondatori hanno scelto di denominarla “Consulta per il dialetto parmigiano” perché ritengono che uno dei beni più importanti da di­fendere e divulgare sia il nostro dialetto, che è parte costituente dell’identità parmi­giana.

Mail: segreteria@consultadialettoparmigiano.org

Sito: http://consultadialettoparmigiano.org/wordpress/

 

In questi anni ho pubblicato quattro libri che riguardano Parma e il dialetto che, da alcuni anni, sono a disposizione gratis per chi volesse scaricarli. Allego i testi in PDF

Nel 1980 ho pubblicato il mio primo libro, “Apén’na da biasär” in cui descrivo la Parma del dopoguerra soprattutto tramite i suoi personaggi la maggior parte dei quali ho conosciuto personalmente.

Lo stesso vale per “Riz e Vérzi” del 1994.

Nel 2007 è uscito il terzo, “Pärma e Brazil” frutto di un soggiorno di tre mesi, in Brasile, presso una missione Saveriana in cui mio fratello era parroco.

Nel 2015 il quarto, “La nostra Parma” In questi libri raccolgo storie, aneddoti di personaggi noti e meno noti nonché tradizioni, proverbi e modi di dire e poi cerco di descriverli con lo scopo di divertirmi, divertire e dare spunti di riflessione. Raccolgo battute e solo raramente barzellette facendomi uno scrupolo di evitare volgarità e di non dare in qualche modo l’impressione che il dialetto serva soltanto per fare ridere.

Giuseppe.mezzadri@yahoo.it