Glossari

I NUMERI     1 = Vón, 2 = du, 3 = tri, 4 = quator, 5 = sinch, (sincov come pronome) 6 = séz, 7 = sètt, 8 = ot, 9 = nóv, 10 = déz, 11 = vundoz, 12 = dodoz, 13 = treddos, 14 = quatordoz, 15 = quindoz, 16 = sèddoz, 17 – darsètt, 18 = dezdòt, 19 = deznóv, 20 = vint, 21 = vintón, 30 = trénta, 40 = quaranta, 50 = sinquanta, 60 = s‘santa, 70 = s’stanta, 80 = otanta, 90 = novanta, 100 = sént, 500 = sinchsént, 1000 = mill.

I GIORNI DELLA SETTIMANA   Lunedì = lundì, martedì = martedì, mercoledì = marcordì, giovedì = giovedì, venerdì = venardì, sabato = sabot, domenica = domenica

I MESI      Gennaio = znèr, febbraio = farvèr, marzo = mèrs, aprile = avril, maggio = mag’, giugno = zuggn, luglio = luj, agosto = agosst, settembre = setémbor, ottobre = otobbor, novembre = novembor, dicembre = dzémbor, primavera = primavéra, estate = istè, autunno = avtón, iverno = invèron

IL TEMPO      mattino = matén’na, mezzogiorno = mézdì, dopomezzogiorno = dopmézdì, tramonto = tramónt, sera = sira, mezzanotte = mézanota, notte = nota, secondo = sec@nd, minuto = minud, ora = @ra, giorno = gior@n, settimana = stmana, mese = méz, anno = an’, secolo = sécol, sempre – sémpor, mai = mäi, subito = subìt, tempo fa = témp fa, adesso = adés, fra poco = a momenti, qualche volta = ‘na quèlca volta, sempre = sémpor.

LE FESTE     Natale = Nadèl, Santo Stefano = San stévon, primo dell’anno = primm ‘d l’an’, befana = befana, carnevale = carnvèl, Pasqua = Pasqua, pasquetta = pasquètta, ferragosto = feragosst, i Santi = i Sant, i Morti = i Mort, fésta della Repubblica = fésta ‘dla Repubblica, fésta dei lavoratori = fésta di lavoradór.

TERMINI VARI   abbaino luzrón – acciuga = anciovva – asparagi = sparoz – albicocca = muliäga arcobaleno = ärcbaléstor – barbabietole = bedrèva carrucola = sidéla – girino = testón botol gnocchi – zgranfgnón – grattugia = razóra – tartaruga = bissa scudlära – quarto di vino = fojètta – strofinaccio = boras – scoiattolo = zghirag’ – brace tizzone = borniza – custodia del pollame – corga misóra = piccola falce a mezza luna – gavél = pala per il focolare – mansarén = scopino di saggina – triggn = vaso di terracotta per i grassi. – zov = giogo per buoi – triblón = strumento per battere il grano nell’aia.