Autori del presente

In questo spazio vogliamo segnalare, anche tramite la collaborazione dei nostri visitatori, autori la cui produzione faccia riferimento al dialetto e, possibilmente, che abbia testi o battute in dialetto.

Giuseppe Mezzadri: da 40 anni faccio parte dell’associazione culturale “Parma Nostra” per la quale, da 35, sono impegnato nella redazione del ”Lunario parmigiano” e faccio parte della “Consulta del dialetto parmigiano”. Sono da tempo appassionato ricercatore di ciò che riguarda il dialetto, le tradizioni popolari, i proverbi, i modi di dire, le storie e non soltanto. Da queste ricerche sono usciti i quattro libri sotto elencati: Apén’na da biasär, il mio primo libro del 1980, Riz e Vérzi del 1994 il secondo libro, Pärma e Brazil è il terzo e la Nostra Parma è il quarto…Cliccare su Mezzadri per il seguito dei testi

 

Alcuni anni fa, l’amico Ennio Mora mi aveva coinvolto (per La grafia del dialetto) nella stesura di alcuni suoi libri. Mora ha accettato di permettermi di inserirne almeno uno in questo sito. Ritengo il testo più che adatto per i suoi contenuti di parmigianità schietta e dialettali.

Scrive Mora: il libro intitolato “Fiól ‘d mè pädor”, è il secondo, scritto, nel 2017, quasi un’appendice del primo, è una carrellata, anche e soprattutto dialettale, su aneddoti, battute, episodi e aforismi ricostruiti nel contesto dei franchi e spontanei rapporti tra un figlio e suo padre. Ho tentato di delineare, con l’irrinunciabile sfondo storico, umano e scenografico dell’Oltretorrente del secolo scorso….

Cliccare  su Fjol per il seguito del testo:

Fjól ‘d me pädor

 

IL PICCOLO PRINCIPE: “Il piccolo principe” di Antoine de Saint-Exupéry, (editrice Tintenfass), è stato il primo libro ad essere tradotto in parmigiano. Ero curioso di sapere e di capire come mai “Paolo Porcari” si fosse addossato quella non piccola fatica e perché proprio per quel libro. Paolo mi ha raccontato il percorso che lo ha guidato….

clicca x il testo IL PICCOLO PRINCIPE