Joséphine Baker

Parma 25 Aprile 1932: vengono esposti i primi manifesti ed annunci della venuta a Parma, della famosa venere nera Joséphine Baker e da subito i parmigiani si preparano a dare a questa vedette internazionale un’ accoglienza come quella riservata a Charlot nell’inverno precedente. Giovannino Guareschi ne approfitta per stuzzicare in un suo articolo “gli inguaribili innamorati dell’esotico “…. Cliccare su Baker per il seguito: 

BAKER

DIVAGAZIONI CLINICO-FILOSOFICHE  di Curzio Gennari Daneri  che  si ricorda  dei  vecchi medici tipo che  non fomentavano certamente  i pazienti a diventare degli ipocondriaci   e   facevano spendere meno alla USL tratto dal Pont ‘d Mez della Famija Pramzàna. Cliccare su Gennari per il seguito:

GENNARI DANERI

Varie

 

Fausto Bertozzi, in quanto a battute, è figlio d’arte, sua madre, donna intelligente ed arguta, diceva: «I me fjó j àn studiè mo i nén miga stuppid». E anche: «Spoziv adésa intant ch’a si cojón, che s’a fi tant a scantèrov a ne v’spozì pu!»Quando lui lamentava un mal di testa:  «L’é l’istés, l’important l’é ch’a t’staga bén ti».

  • In azienda dove entrambi lavoravamo c’era un dirigente in gamba ma molto molto loquace. Un giorno lo chiamò al telefono esordendo con un velocissimo: «Pronto chi parla?» E Bertozzi «Sa gh’é manéra un po’ p’r ón». Parlando di lui diceva: «S’al s’iscriviss a l’AIDO (donatori di organi) con la so léngua i dan la parola a quator mutt».
  • Al CRAL, io avevo salutato una bella ragazza, che rientrava dalle ferie, dicendole: «Bén tornata» Bertozzi mi corresse: «Bén tornita, gh’ät miga j oc?»
  • A Quattrocastella, dove abita in estate, un contadino che gli stava dicendo di aver messo in vendita la casa e il podere, per valorizzarlo li, gli disse: «Quando c’è sereno si vede Reggio». E lui: «Alóra gh’é ‘l scónt? »
  • Un artigiano che gli aveva presentato un conto salato per uno sportello, si giustifico spiegando: «Tenga conto che è fatto su misura e tutto in legno compensato”. – «J ò visst, più “compensato” di così!”
  • Anche il fratello Luciano ha una bella inventiva. Dice ad esempio: «A Roma c’è il Gabinetto, la Camera e i Servizi mo bizoggna ch’a ch’sia anca la cuzén’na con coll chi magnon !”

 

BRUNO DODI

  • Ad una cena aziendale si avvicinò al suo tavolo un collega che, indicando una bottiglia chiese: «Él férom coll vén lì?» «Si, l’é férom parchè dedchì al ne s’móva miga!»
  • Un collega lo punzecchiava: «Ti a t’vól miga andär in trasferta parchè a t’gh’è paura chi t’fagon i coron». – « Sicùr ch’a t’gh’è méno paura ti, a t’ gh’è ’na mojéra tanta brutta che, s’a t’la piant in-t-l’ort agh rampa su gnan i fazó.»
  • Ad un altro che si vantava, ‘sbragando’, di avere un’auto che, seppure fosse vecchia, era eccezionale, Bruno disse: «L’é béla ch’la machina li.

Sól che si seron la fabrica dal zingol a t’cat pu nisón ch’a la giusta!”

  • Adesa i ragas i dmandon: «Ma, co gh’è da sén’na? Mo nuätor a dmandevon: ma, stasira gh’éla la sén’na? Sät co digh sémpor mi? Che coj chi dizon che “l’appetito vien mangiando” i dovrisson provär che aptit a vén a magnär miga!”
  • Mio cugino Giorgio, ormai su d’età, mi stava spiegando una cosa, non gli veniva una parola e la moglie, prontamente, gliela suggerì. Successe ancora e dopo il terzo “suggerimento”, si fermò e mi disse: «Vèddot Giuseppe, ormäi sèmma tant vec’ e imbambì ch’a gh’ vól in du a fär un ragionamént». Poi aggiungeva: «Dvintär vec’ è miga un bél lavór mo l’é l’unica manéra par scampär».
  • Ugo ex calzolaio di 90 anni, ricoverato all’infermeria del Romanini, pensava di essere in albergo. Ero con lui quando un infermiere, dopo cena, gli portò un bicchiere di caffè. Ugo storse la bocca. Gli dissi: «Ugo costa l’é ‘na bón’na locanda. La gh’à ‘l difét chi dàn poch vén». E lui: «Al n’è miga un difét tant picén!»
  • Nell’osteria di Gino Picelli, un muratore, volendo gigioneggiare, gli disse: «Gino gh’ät miga i bicér col manogh?» – «Al manogh a gh’ l’à ‘l badil, a t’ l’é drovè tutt al dì, n’ät miga ‘vu bas
  • Ad un gruppo di giovani che si prendeva gioco, in modo pesante, di un anziano con battute tipo. «L’é brutta la vciära an nonón!?” Egli disse loro: «A gh’ì proprja ragión. la v’ciära l’é brutta bombén. A v’avgur ‘d rivärogh miga!”

 

 DARIO PATERLINI

  • Il papà, che faceva il muratore, amava il vino: «Gran bél bicér me pädor. Va là ch’ al n’ à bvu e tutt ròss parchè al dzäva che bizòggna ésor bón äd guardäros la salute, e ‘l bianch al fà pu mäl». Poi continua: «L’ à bvu tant scudlén me pädor, povrètt, che quand i l’ àn tirè su, dopo déz an, al gh’äva la pónta, e i so os j éron vióla».
  • Parlando di quando era ragazzo, dice: «A s’ éra bél mi, da ragas … a paräva un cummor. A gh’ äva sémpor la candéla al näz. A m’sugäva cój did e in-t-il bräghi gh’ äva tanta coraméla che, a l’ostaria, igh’ pjävon i solfanél»
  • Di ritorno dalla visita al proprio medico che aveva visionato i suoi esami, la moglie gli chiede: «Co’ t’ àni catè int al sangov?»«Dal vén». – «Miga fär al cojón, dimm co’ i t’ àn catè». – «Al sangov gros». – «Él gros bombén?» «Al pär bodén!» «Co t’al ordinè?» «Dil suposti. Al me dotór», spiegava Dario, «al va via tutt a suposti, ormäi gh ò un sedere ch’ a gh’ pasa ‘na micca äd pan».
  • Negli ultimi anni di lavoro era dipendente di una ditta che trattava ma­teriale elettrico. Incontratolo un giorno, gli chiesi: «Dario, i m’ àn ditt ch’a t’ sì in-t- l’elettrotecnica, è véra?» «Elettrotecnica? elettronica! In ca mèjja l’é tutt automatich. A t’schiss un botón… e a t’ciap su dal stupidd».
  • Da ragazzino era garzone in un’officina dove si lavorava fintanto che c’era luce. Una sera d’agosto, verso le otto, stava sgattaiolando fuori quando il titolare lo bloccò con un perentorio: «Veh lòmo, a n’é miga la vgillja äd Nadäl!»
  • Dario così descrive la casa dell’amico Richén che abitava a Valera. «Richén al stäva in-t-’na béla ca! l’éra tanta basa che quand gnäva vint borr ’d néva i gnävon fóra dal granär. L’éra tanta ummda che in primavera i cazant i dävon fóra i butt cme i pommdatera e ’l sartór, povrètt, ch’al gh’äva i reumatizom al ghe tóläva ilj amzuri dala fnéstra. L’éra ’na ca nobla: a Richén, quand l’éra picén, igh’ metèvon do pónghi par scalderogh i pe!»