Beata Eugenia Picco

Nella Parma di fine Ottocento, Eugenia Picco – che recentemente venne proclamata Beata in San Pietro da Papa Giovanni Paolo II – profonde tesori di carità evangelica con l’esempio austero di una specchiatissima esistenza tutta spesa nella carità. Suor Eugenia arriva a Parma quando vi operano e spiccano per pietà e azione Andrea Ferrari, Guido Maria Conforti, Agostino Chieppi, Anna Maria Adorni, Lucrezia Zileri, Lino Maupas, Carlo Maria Baratta. Diresse per oltre 10 anni la congregazione delle Piccole Figlie.

(tratto da 35 anni, il meglio del Lunario parmigiano)

Al Portón äd San Lazor

Fuori porta San Michele esisteva un borgo chiamato di San Gilio o Sant’Egidio a capo del quale eravi una porta detta Pegolotta a cavalcioni della via Emilia. Questa porta fu rasa al suolo con tutto il borgo nel 1546 in occasione della “tagliata” voluta da Pier Luigi Farnese per ragioni militari. In quella stessa zona quasi un secolo dopo, nel 1628, sarebbe stato eretto un arco trionfale per festeggiare il solenne ingresso in Parma di Margherita De’ Medici, novella sposa di Odoardo Farnese….

(da 35 anni, il meglio del Lunario parmigiano)